vitosugamelilogodefinitivowhiteicon
vitosugamelilogodefinitivowhite
vitosugamelilogodefinitivowhite

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
whatsapp
spotify

facebook
instagram
twitter
linkedin
youtube

Cookie policy  Privacy Policy

14-min.jpeg

© Vito Sugameli Filmmaker | Video Cinematografici e Siti Web a Trapani, Palermo, Roma, Milano | P.I. 02808650812 | All Right Reserved | Powered by me.

The Dreamers Island: come può un workshop di fotografia e videomaking cambiarti la vita

20/11/2022 22:00

Vito Sugameli

Filmmaking, workshop,

Foto di gruppo workshop egadi

Ho partecipato al mio primo vero workshop di fotografia e videomaking in presenza nel 2022: The Dreamers Island, a Marettimo (Egadi). Ve lo racconto.

Ho partecipato al mio primo vero workshop di fotografia e videomaking in presenza nel 2022: The Dreamers Island, a Marettimo. Un workshop storico sulle Egadi giunto alla sua tredicesima edizione. Ve lo racconto.

Imparare è la più umile forma di intelligenza. Ci pone davanti ai nostri limiti e ci rende determinati a superarli, partendo dal presupposto e dalla volontà di dimostrare (soprattutto a noi stessi) di avere qualcosa da dire: perché è troppo facile nascondersi nell’ombra dopo la mezzanotte, nella solitudine del nostro lavoro quotidiano, convinti di sapere già tutto quello che occorre. I saggi dicono che non si finisce mai di imparare. «Faccio sempre ciò che non so fare, per imparare come va fatto»: è una citazione di Vincent Van Gogh che ho deciso di accogliere nella mia vita. Quantomeno ci provo, a superare i miei limiti.

 

E come può un filmmaker, videografo o fotografo che sia, superare ì propri di limiti se non imparando dai migliori? Proprio per questo scopo ho partecipato al mio primo workshop in presenza nel 2022, The Dreamers Island, a Marettimo, e adesso ho capito una cosa: che non potrò più farne a meno. In questo articolo vi voglio raccontare la mia esperienza indimenticabile da allievo, in mezzo a dei veri maestri (colleghi compresi).

Francesco Faraci - Foto di Valentina PellitteriFoto di Valentina Pellitteri

The Dreamers Island, cosa ho imparato al workshop di Marettimo

L’esperienza a Marettimo mi ha insegnato e fatto scoprire moltissime cose, che in parte avevo dimenticato di coltivare preso dalla frenesia del lavoro di tutti i giorni. A iniziare dalla ricerca della bellezza, nel suo senso più profondo, che ho ritrovato grazie agli insegnamenti di Toni Thorimbert, reporter, ritrattista, affermato fotografo di moda e art director, e Francesco Faraci, l'antropologo della fotografia da cui ho appreso il concetto di «osservare con tutti e cinque i sensi»

 

Ho imparato a leggere nel matrimonio non soltanto la luce ma soprattutto le ombre, grazie a Peter Jurica, un Wedding Editorial Photographer il cui stile unico è immediatamente riconoscibile. Ho capito da Giuseppe Piserchia, videografo che gira il mondo per raccontare storie e documentare matrimoni al pari di avventure indimenticabili, che il talento di un creativo deve sempre essere supportato da un’efficace strategia di marketing e dalla fiducia in noi stessi.

Difficile dimenticare il ruolo dell’istinto e dell’osservazione negli insegnamenti di un fotoreporter di raro talento come Tony Gentile; ma anche la profondità e la conoscenza di Angelo Turetta, fotografo di scena che ha lavorato tra i principali palcoscenici del teatro d'avanguardia e i sets del cinema, seguendo temi sociali e di attualità. Infine mi ha commosso la metodologia, il senso del sacrificio e la devastante commozione scaturita dalla visione dei lavori del Documentary Photographer Fausto Podavini.

 

Per ovvie ragioni la presenza del direttore della fotografia Enzo Carpineta e del regista Emanuele Crialese mi hanno destabilizzato: a loro devo gli insegnamenti più grandi, alcuni oggetto delle loro preziose masterclass ma altri taciuti e per me comunque evidenti. Li custodisco tutti dentro di me. Grazie maestri, grazie compagni di viaggio. E grazie a Sergio Cancelliere, fotografo trapanese e promotore del workshop, per aver fatto emergere la magia di quest’isola.

Francesco Faraci - Foto di Valentina PellitteriFoto di Valentina PellitteriEnzo Carpineta - Foto di Valentina Pellitteri

Il workshop di Marettimo: un'esperienza nell'esperienza

Sembrerà banale ma non lo è: poter condividere il sole, il mare, il cibo, la musica, il tempo e lo spazio con così tanti maestri di vita, colleghi e professionisti di "altissimo livello", uniti da un interesse comune, non ha prezzo. Poter ascoltare le loro storie, intuire le loro fragilità e gioire dei loro successi è stata un’esperienza nell’esperienza.

 

Il workshop di Marettimo mi ha colpito nel profondo: lo ammetto, inizialmente mi aspettavo di imparare virtuosismi con la mirrorless e trucchetti con Premiere Pro (e già sarei stato contento), mentre sono tornato a casa con la memoria della mia Sony A7SIII ancora vuota, sopraffatto da emozioni contrastanti e da un senso di vuoto impossibile da spiegare. Per l’intera durata dell’evento non ho mai avuto altro desiderio che leggermi dentro, riflettere sul mio lavoro, sulla mia concezione del mestiere e della creatività, sui miei obiettivi e sulle ambizioni. Forse è per la prima volta, da quando svolgo questa professione, che mi succede.

Emanuele Crialese, Angelo Turetta, Enzo Carpineta - Foto di Ivan Puglisi

Per me il workshop di Marettino è stato prima di tutto un viaggio interiore: ho dovuto lottare contro la mia introversione, ho imparato a gestire l’isola dentro di me prima di vivere quella che mi stava attorno. Dopotutto è la voglia di superare il confort zone, la fame di conoscenza, la curiosità a posizionarci sempre davanti alla domanda delle domande: chi siamo davvero? Dopo diversi giorni credo di aver raggiunto una conclusione: sono un filmmaker con troppe passioni, un sognatore di professione. E oggi più che mai, desideroso di esplorare la bellezza.

Toni Thorimbert - Foto di Valentina Pellitteriworkshop-drone.jpegFoto di Giuseppe Piserchia

Non voglio esagerare troppo con i sentimentalismi, ma spero di avervi trasmesso il mio entuasiamo per questa esperienza e la mia passione. Se vuoi saperne di più sul mio lavoro e sul mio modo di concepire la professione, sarò felice di spiegarti il mio metodo.

Le fotografie presenti in questo articolo sono di Ivan Puglisi, Valentina Pellitteri, Graziella Cassalia, Giuseppe Piserchia.

Come creare un sito web con Flazio