vitosugamelilogodefinitivowhiteicon
vitosugamelilogodefinitivowhite
vitosugamelilogodefinitivowhite

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
whatsapp
spotify

facebook
instagram
twitter
linkedin
youtube

Cookie policy  Privacy Policy

14-min.jpeg

© Vito Sugameli Filmmaker | Video Cinematografici e Siti Web a Trapani, Palermo, Roma, Milano | P.I. 02808650812 | All Right Reserved | Powered by me.

Warchild - Batman, l'emozionante spot contro la guerra che (purtroppo) è sempre attuale

21/04/2022 12:00

Vito Sugameli

Visti sul Web, Batman, Video Virali,

Warchild lo spot emozionale con Batman che parla di guerra

Inauguro una nuova rubrica: Visti sul web. Uno spazio in cui analizzo video, spot e contenuti trovati sul web, che mi hanno ispirato.

nauguro una nuova rubrica: Visti sul web. Uno spazio in cui analizzo video, spot e contenuti trovati sul web, che mi hanno ispirato. 

Lo ammetto, io ci passo un sacco di tempo su YouTube. Quando esagero, mi dico che è per lavoro: devo pur trovare ispirazione da qualche parte, o no? E in effetti è così: molte delle idee che poi sviluppo nei miei progetti (e ancora di più quelle che sogno di sviluppare) provengono da visioni, film, spot, commercial. Così, ho pensato: perché non raccontarne qualcuna? Inizio da qualcosa che, sicuramente, avete già visto. 

Warchild – Batman, purtroppo, è sempre attuale

Warchild – Batman è uno spot del 2016, realizzato in occasione della campagna di raccolta fondi della ONP War Child: si tratta di un'organizzazione non governativa fondata nel Regno Unito nel 1993, che si occupa di fornire sostegno e assistenza ai bambini che vivono in paesi dilaniati dalla guerra, offrendo loro protezione, cure mediche, istruzione e supporto psicologico durante il conflitto e all’indomani della sua conclusione. 

 

Lo spot nasce dalla collaborazione tra War Child e la casa di produzione In Case of Fire. La regia è di Jeroen Mol, filmmaker olandese, grande appassionato di cinema di genere e fantastico, celebre per avere lavorato a cortometraggi e spot per aziende come Nike, Kitkat e McDonalds. Nel 2017, per Warchild – Batman ha vinto a Cannes, al famoso Festival della Pubblicità, il Leone d'Oro. 

 

Il video è famosissimo e oggi, purtroppo, in questo clima feroce di guerra, più attuale che mai. Ha per protagonista Batman, proprio lui, il Cavaliere Oscuro, in un campo profughi tra Syria e Libano: qui, tra le tende polverose, lo vediamo intrattenere un bambino siriano, giocare con lui a pallone, portarlo in spalla, aiutarlo a fare volteggiare l'aquilone. Finchè, il bambino non gli si addormenta in braccio, sfinito. Uno stacco di montaggio, allora, trasforma Batman in quello che sembra essere il papà del piccolo profugo: un uomo che regge in braccio il figlio, stravolto da una lunga marcia nel deserto insieme al resto della famiglia. Il claim finale dice: «Per molti bambini, la fantasia è l’unica via per fuggire dalla realtà».

Warchild batman appeso con le mollette

Una novità nel mondo degli spot umanitari

Fino a qualche anno fa, i video che le ONG commissionavano per le loro campagne di sensibilizzazione e raccolte fondi, erano caratterizzati da due stili ricorrenti: quelli più sensazionalistici, in cui si mostrano in maniera parecchio esplicita gli orrori della guerra e le ferite – fisiche e psicologiche – sulle vittime; quelli tetri e inquietanti, tra cui i più famosi sono quelli di Amnesty International contro la tortura. Oltre a essere piuttosto angoscianti, davano ben poca importanza alla messa in scena. Come a dire: non serve che siano ben fatti, sono video che usiamo per la beneficienza. 

 

Per fortuna, da tempo ormai, il clima è cambiato. ONG, associazioni e organizzazioni no profit si sono rese conto che una campagna di comunicazione efficace è utile anche (soprattutto) per loro. E che i filmmaker più creativi della pubblicità sono lieti di lavorare, una volta tanto, di non pubblicizzare l’ultimo paio di Nike ma a progetti socialmente rilevanti. Con l’approdo in questo settore di autori provenienti da cinema e pubblicità, arrivano nuove idee e un nuovo modo di raccontare. Warchild – Batman è frutto di questo cambio di mentalità. Il regista Jeroen Mol che, come dicevo, ha alle spalle grande esperienza in marketing, ma è anche un vero appassionato di cinema, ha realizzato un video rivoluzionario. 

Warchild Batman battuto a braccio di ferro da un bambinoWarchild Batman bambino feliceWarchild Batman gioca con iil bambino

Warchild – Batman è una piccola rivoluzione

Pur non perdendo emozione, Warchild – Batman si allontana definitivamente dagli stereotipi su guerra e povertà: non è uno spot meno straziante di quelli che ci mostrano bambini mutilati e in lacrime, ma è più delicato ed estremamente creativo. Il regista dirige, di fatto, un piccolo cortometraggio: ne cura fotografia, montaggio, effetti visivi, suono e colonna sonora (una volta tanto, non c’è il solito sottofondo lagnoso ma un brano vero: You're My Best Friend dei Queen). Jeroen Mol, inoltre, dialoga con il cinema stesso: rende protagonista dello spot, accanto al bambino siriano, l’Uomo Pipistrello, in un dialogo trasversale e straniante (rispetto al messaggio del video, molto doloroso) tra finzione e realtà.

 

Il video di Jeroen Mol, inoltre, rispetta pienamente la mission della ONG che commissiona la campagna. Al centro dello spot, infatti, ci sono davvero i bambini. Spesso nei video di questo genere i più piccoli sono ritratti come vittime collaterali della guerra, appendici degli adulti, destinatari passivi degli aiuti: qui, invece, il protagonista è proprio il bambino. Lo spot sembra dire: un bambino che riceve aiuto è un bambino che continua a sognare. Un messaggio estremamente potente. E, infatti, il video è stato un successo non solo al patinato Festival della Pubblicità di Cannes: è diventato virale e i proventi della sua messa in onda hanno aiutato oltre 6.500 bambini in paesi dilaniati dalla guerra.

Warchild Batman spot virale con la musica dei Queen

Conoscevi questo video? Se vuoi dirmi qual è uno spot o un commercial che hai visto sul web e che ti ha colpito, scrivimi nei commenti qui sotto o contattami. Sono curioso!

Come creare un sito web con Flazio